Economia Circolare e Rifiuti

L'Agenzia Regionale Recupero Risorse (ARRR) è disciplinata dalla L.R. 87/2009 che ne ha ridisegnato la compagine societaria chiamandola a svolgere un importante ruolo di assistenza e supporto all'attività della Regione Toscana in ambito della gestione dei rifiuti e della bonifica dei siti inquinati.
A.R.R.R. S.p.A. opera esclusivamente a supporto del socio unico Regione Toscana e attualmente svolge le attività di seguito elencate.

Cosa fa ARRR sul piano dell'economia circolare e dei rifiuti?

Assistenza e supporto tecnico nella elaborazione delle politiche in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati ed in particolare:

  • definizione dei quadri conoscitivi a supporto delle pianificazioni;
  • elaborazione di progetti in materia di smaltimento, riduzione, riutilizzo, recupero e riciclo dei rifiuti, anche attraverso lo studio e l'utilizzo di nuove tecnologie;
  • attività di verifica e valutazione dell'efficacia dei risultati raggiunti dalla pianificazione e da interventi finalizzati allo sviluppo ottimale della gestione dei rifiuti e della bonifica dei siti inquinati;
  • supporto tecnico alle attività di concessione di finanziamenti, incentivi, agevolazioni e contributi regionali, nazionali o comunitari in materia di gestione rifiuti e bonifica dei siti inquinati e relative attività di monitoraggio e valutazione;
  • attività di accertamento propedeutica alla certificazione del conseguimento degli obiettivi minimi di raccolta differenziata e di accertamento dell'efficacia dei sistemi di raccolta differenziata previsti dalla normativa statale e regionale in materia di gestione rifiuti;
  • attività di osservatorio concernente il monitoraggio e la valutazione della produzione dei rifiuti e dell'andamento delle raccolte differenziate, da comunicare ai soci con cadenza quadrimestrale nonché il monitoraggio, l'analisi e la comparazione delle tariffe applicate dai gestori, da comunicare ai soci con cadenza annuale;
  • raccolta, elaborazione e divulgazione di dati ed informazioni a favore degli operatori del settore attraverso lo "Sportello Informambiente";
  • attività di raccolta, selezione e valutazione di progetti sperimentali di innovazione e ricerca in materia di rifiuti;
  • attività di assistenza tecnica all'elaborazione e attuazione di intese e accordi finalizzati alla prevenzione, riduzione nonché al recupero e riciclo dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati;assistenza tecnica all'elaborazione di specifici progetti finalizzati alla messa in sicurezza d'emergenza e bonifica dei siti inquinati;
  • assistenza e supporto tecnico per l’esercizio delle funzioni amministrative regionali relative alla bonifica dei siti inquinati di cui all’articolo 36 bis, commi 2 e 3, del decreto legge 22 giugno 2012, n. 83 (Misure urgenti per la crescita del Paese), convertito con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, nonché assistenza e supporto tecnico per l’esercizio delle funzioni amministrative regionali relative alle competenze di cui all’articolo 5, comma 1, lettera c), della l.r. 25/1998.
Ultimo aggiornamento: 18.01.2019
Condividi